Eventi

24h MTB

12h

6h

 

19/07/2009 - PARCO OGLIO NORD CLASSIC

20/07/2009

Il “Presidente “ aveva parlato chiaro: chi si presenta alla prima gara organizzata dagli amici di Cignone deve indossare la divisa del decimo anniversario. Il risultato è stato una moltitudine (almeno una sporca quindicina) di MTBikers Kulamula Azzurro glicine presenti ai nastri di partenza.
Ma non solo infatti rispondono presenti anche le colonie Kulamula GS Alpini capitanata da Bruno Inzani e Hallalì entrambe con le loro divise tradizionali biancoverdi e giallorosse.
Un paio di Tavabike, tra cui il Lotta, completavano la nostra clack.
Sotto lo striscione di partenza circa 200 concorrenti tutti di discreto livello. Ma nessuno si aspettava una giornata cosi' impegnativa per un percorso a tratti anche tecnico, pieno di rilanci e discese “vertiginose”, su e giù per le sponde dell' Oglio.
Un tracciato cosi' tosto da mettere a dura prova anche i pedalatori piu' esperti.
Fin dalla partenza si potevano prevedere le buone prestazioni del magro ma veloce Pierre e la potenza senza controllo del gigantesco Boni, ancor pseudo KM, ma la sfida da singolar tenzone era tra noi ciclisti medi (diminutivo forse di …. mediocri?), tutti quanti determinati a non arrivare ultimi del plotone Kulamula MTB Cremona.
Se non fosse stato per una ruota posteriore persa alla prima salita Paolino non avrebbe perso il contatto con il Presidente e con il Geco (in forma smagliante), che poi mi sono arrivati davanti di un soffio.
Da segnalare il solito disastro combinato da JJ Galli, che come di consuetudine ha abbracciato in velocità una  pianta, causa intervento maldestro sull’attacco manubrio (e ricordarsi di stringere le viti ….) alla vigilia della gara. Risultato persistenti emicrania e dolori da colpo di frusta e ritiro dopo pochi km.
Tra le new entry Nico Bocchino a cavallo della sua Lee Cougan nerazzurra. Ci siamo poi chiesti, chissà che fine ha fatto, perché nessuno dopo la partenza l’ha più visto. Materia televisiva per: Chi l’ha visto??
Altra notizia Otto …. non è caduto (da Ercolino sempre in piedi …).
Presenti sul “singol track”, con divisa ma non in gara, la gang di Soresina che ha incitato il gruppo dei nostri senza risparmio, in ogni punto difficile del percorso e scortato in parata all’arrivo il “President” sul traguardo finale.
Gara da consigliare vivamente a tutti gli amici biker anche se dura e  polverosa. Un applauso quindi all'organizzazione, per il percorso, per la segnaletica, per i controlli sul tracciato. Mentre un rimbrotto gli va dato per la scarsità di ristori sia alla fine, che durante la gara.
Abbiamo venduta cara la pelle, ma sicuramente ancor piu' importante l'abbiamo portata a casa anche questa volta, unitamente alla targa consegnataci dagli Organizzatori quale società più numerosa.
 
                                    
Paolino Grassi
 

AllegatoDimensione
classifica generale.pdf23.56 KB
logo