Eventi

24h MTB

12h

6h

 

29/30-08-09 GRAN COMBINATA DEGLI ALTIPIANI (FOLGARIA - TN)

03/09/2009

Gran Combinata degli Altipiani … quando ho letto su di un sito di mtb di questo evento ho pensato “perché non parteciparvici?” e quando poi ho visto che tale manifestazione si svolgeva a Folgaria (TN), dove ho passato le mie vacanze estive per più di una decina di anni e dove mi sono avvicinato alle ruote grasse, era cosa fatta!!!
La gara consisteva in due prove: la prima il sabato con la Nosellari Bike (36 km con dislivello poco superiore a 1100m) e la seconda la domenica con la MegaBike Classic (43 km con dislivello poco superiore a 1200 m), si  sommavano poi i tempi di percorrenza e si formava così la classifica finale.
Oltre alla location (magnifica comunità di Folgaria con i suoi forti e trincee della prima Grande Guerra) un’altra cosa accomunava le due gare, ossia la difficoltà del tracciato; sentieri sconnessi e sassosi, salite irte con pendenze anche del 23%, discese su pietraie che mettevano a dura prova arti e telai, lunghi single track nei sottoboschi ( comunque anche qui non mancavano sassi e radici), ecc.
Nella prima gara come mio solito mi sono piazzato a metà classifica ( in 1h 59 min 59 sec)ma con una personale soddisfazione: essere arrivato prima di Paola Pezzo la quale è si stata costretta alla sosta a causa di una foratura per però era partita in pole (era la madrina dell’evento) e aveva evitato il classico ingorgo iniziale, risultato 7 min. di vantaggio all’arrivo.
Nella seconda gara invece mi sono piazzato 132mo (in 2h 25 min 5 sec) sui quasi 400 atleti giunti all’arrivo.
Pierre
 
FOLGARIA MEGABIKE
30 AGOSTO 2009 – FOLGARIA (TN)
Domenica scorsa si è tenuta a Folgaria (TN) l’8a edizione della Folgaria Megabike, organizzata dalla A.S. Megabike. Due erano i percorsi proposti: Megabike Classic, di 43,6 km e 1298 m di dislivello, e Gibo Simoni Marathon, di 80,7 km e 2240 m di dislivello. Ormai da qualche anno partecipo a questa gara, ovviamente scegliendo il percorso Classic, dato che il Marathon presenta un chilometraggio che va un po’ oltre le mie possibilità. Quest’anno per i KulaMula era presente anche Pierre, che era iscritto alla Gran Combinata degli Altipiani, che comprendeva la Megabike Classic e la Nosellari Bike svoltasi il giorno precedente.
La pioggia battente di sabato sera faceva presagire che il percorso sarebbe stato decisamente bagnato e scivoloso. Domenica mattina la temperatura è piuttosto fresca (11-12 °C), il cielo è coperto ma almeno non piove; le previsioni meteo davano comunque un miglioramento del tempo nel corso della giornata. Alle 9.15 siamo in griglia; partenza davanti al Palasport di Folgaria, circa 500-600 i partenti per il percorso classic. Alle 9.30 viene dato il via; i primi km sono in salita su asfalto, poi giunti a Passo Sommo si imbocca la vecchia strada militare per Forte Sommo Alto. Percorrendo strade forestali ed ex-strade militari sempre abbastanza ampie e prive di particolari difficoltà tecniche, si arriva, intorno al 30° km, sulle piste da sci di Fondo Piccolo; da qui, un paio di rampe decisamente toste portano ai resti del Forte Dosso delle Somme. La successiva discesa verso il paese di Serrada inizia su una ex-strada militare ampia, ma poi continua con un ripido single-track nel bosco che percorre una trincea della prima guerra mondiale… veramente spettacolare!!! Dopo aver attraversato Serrada, un divertente single-track in falsopiano porta a Francolini, e da qui, dopo 3-4 km, si arriva al traguardo posto nel centro storico di Folgaria. Contrariamente a quanto pronosticato, il percorso era in condizioni perfette, tanto che non ho nemmeno sporcato la bike.
Per la cronaca, la Megabike Classic è stata vinta da Silvano Janes in 1 ora e 55 minuti, mentre il percorso Marathon ha visto la vittoria di Leonardo Paez in 3 ore e 21 minuti. Pierre ha concluso il percorso classic in 2 ore e 25 minuti, mentre il mio tempo è stato di 2 ore e 49 minuti.
L’organizzazione della manifestazione è stata impeccabile, e il percorso, modificato rispetto allo scorso anno, decisamente divertente.

Alessandro

logo