Eventi

24h MTB

12h

6h

 

31/07/2011 - GF ALTA VALTELLINA (BORMIO)

03/08/2011

 
La giornata inizia nel peggiore dei modi, metto la sveglia alle 06.00 che puntualmente non sento reo della stanchezza accumulata nei giorni antecedenti.
Cosi con circa un'ora di ritardo mi metto in macchina e cerco di arrivare il prima possibile a Bormio. 
Arrivato a Bormio le prime persone che incontro sono il duo KM Alpini già pronti ai nastri di partenza. Location bellissima organizzazione eccellente ed una marea di colori che contraddistinguono i quasi 1800 biker che sono ai nastri di partenza di questa IV edizione della GF Alta Valtellina.
Con me ed il duo Alpini, vedo spuntare il Presidente mimetizzato in una giacca di colore nera.
Finalmente si parte, senza allenamento e con qualche uscita sporadica fatta nelle ultime settimane il mio obiettivo è arrivare al traguardo, a piedi o in bici non conta, ciò che veramente conta per me passare sotto lo striscione con la scritta "ARRIVO".
Beh l'inizio non è dei migliori dopo un paio di Km di lancio arriva subito la prima salita, niente di chissà cosa ma un costante salire facilitato dal fatto che siamo su asfalto. Intorno a me uno spettacolo meraviglioso, i verdi prati e le grigie montagne fanno da contorno ad un cielo azzurro e temperatura ideale per questa bellissima gara.
Ma i colori e gli sfondi sbiadiscono alle prime avversità che sono i ramponi che inducono a tenere la testa bassa e concentrarsi per arrivare alla prima vetta.
Il presidente mi avverte di non forzare troppo e di scendere su alcuni ramponi perchè duri da fare in bici, seguo ciecamente il suo consiglio per evitare problematiche e soprattutto evitare qualche fuorigiri che visto il mio poco allenamento potrebbe costarmi caro e costringermi al ritiro.
Finalmente la prima vetta.... il luogo mi ricorda subito il raduno del decennale Kulamula e la discesa è la stessa, ma rispetto a due anni fa mi faccio furbo.... lascio la forcella anteriore aperta per evitare di spaccarmi le braccia (qualcuno ricorderà)!!!!
Discesa bellissima e fatta in velocità, beh il giusto premio alle durissime rampe affrontate in precedenza.
A fine discesa si entra in un luogo a me familiare, da li svolta a sinistra e subito un rampone assurdo.... penso mah sarà solo un salita uguale a quella precedente, invece no!!!! Sono 7.5 km di salita durissima con rampe assurde, ma il calore della gente mi spinge ad andare avanti e proseguire questa che per me è una vera impresa, i tornanti non finisco mai, ogni tanto alzo la testa e vedo biker davanti a me salire sempre più in alto su una strada che diventa sempre più tortuosa e le pendenze vanno sempre ad aumentare.
Finalmente dopo mille asperità una ruota bucata (grazie San Fast) sono in cima, davanti a me uno spettacolo unico, ovunque mi giro ci sono scorci di montagne e paesaggi da mozzafiato e dentro di me soddisfatto penso "Ne è valsa davvero la pena fare questa scalata solo per guardare questo spettacolo unico nel suo genere.
Inizio la discesa e trovo il primo cartello "Discesa pericolosa con pendenze al 25%" Azzo oltre ad essere un muro da cui scendere è anche pieno di massi da scansare, comunque con la dovuta calma arrivo finalmente alla parte più dolce della discesa e l'inizio di un single track favoloso da fare tutto d'un fiato!!! Peccato che il fiato è stato smorzato da una seconda foratura alla ruota anteriore, con escursione in un dirupo fortunatamente con erba, ma comunque mi sono costati un paio di lividi sulle gambe ed uno sul petto.
Mi riprendo dal capitombolo, risalgo sul percorso ma nel cadere ho perso la seconda bomboletta di San Fast, e mancano ancora 10 km all'arrivo.... che faccio???? Beh l'unico modo è proseguire a piedi, con qualche dolore a destra e sinistra e soprattutto la ruota buca!!!!
Tutti i biker che mi hanno sorpassato nessuno aveva una bomboletta da prestarmi, quindi quando mi ero rassegnato a farmela a piedi ecco arrivare un biker che si ferma mi da una mano e mi passa una camera d'aria!!! Monto, smonto, traffico, distruggo, rimetto a posto.... beh alla fine anche grazie a questo biker riusciamo a ripartire insieme.
Il finale è scritto nelle classifiche, siamo arrivati insieme al traguardo e questa è stata la nota più bella di tutta la giornata!!!
Prossima esperienza la Vecia Ferovia dove spero le cose andranno meglio e soprattutto dove sicuramente non dimenticherò di portarmi con me tutto l'occorrente per non rischiare di rimanere a piedi.
La gara è davvero massacrante, ma vale la pena provarla una volta.
Un grazie ai KulaMula presenti a Bormio ed un saluto a tutti
 
Nico
 

logo